Ardea, attentato incendiario al Sindaco Luca Di Fiori: “Atto ignobile”

Auto sindaco con segni di attentato

L’auto del sindaco di Ardea danneggiata dall’attentato

Gravissimo atto intimidatorio ai danni del Sindaco di Ardea, Luca di Fiori. Assurdo che alle porte di Roma accadano fatti di tale portata. Le massime Autorità devono immediatamente intervenire“: questo il commento di Pina Ricci, Presidente del movimento internazionale Giustizia e Lealtà che ha sede ad Aprilia (LT) in merito all’ Ardea, attentato incendiario al Sindaco Luca Di Fiori. Viene invocato l’arrivo ad Ardea non solo del prefetto e del questore, ma anche del Ministro di Grazia e Giustizia e del Capo dello Stato. “Non è possibile che queste cose capitino ancora in un Paese che si dice civile. E’ ora che si intervenda in maniera decisa e concreta.

Ecco la testimonianza diretta del sindaco Di Fiori su come sono andati i fatti: “Erano circa le due meno venti di notte quando ero appena rientrato a casa dopo una serata con alcuni amici. Il portone era ancora aperto. Sentendo abbaiare i cani in maniera molto strana e ascoltando un rumore metallico come dell’innescare di un accendino, sono uscito fuori dal balcone. Così ho visto un uomo, un ragazzo di circa 30 anni, che nel buio del parcheggio armeggiava intorno alla ruota posteriore sinistra della mia auto: stava cercando di accendere qualcosa. In una frazione

Il sindaco di Ardea Luca Di Fiori

Il sindaco di Ardea Luca Di Fiori

di secondo sono sceso urlando ma ormai era troppo tardi: lui si stava dileguando verso la sua macchina, una Punto bianca, lungo via Apriliana, proprio per fuggire. In quel momento ho pensato a chiamare i carabinieri e a spegnere subito l’incendio che stava colpendo la mia Mini Cooper, che comunque non è andata distrutta ed è funzionante. Sono sconcertato. E’ una nuova, palese, intimidazione ai danni di questa città”. Lo ha detto il sindaco di Ardea Luca Di Fiori parlando dell’intimidazione avvenuta la scorsa notte davanti all’abitazione di famiglia in via Apriliana, ad Aprilia. “Ora bisogna tenere alta la testa, come sempre, e dare il senso di unità – ha spiegato il sindaco – Sembra quasi un disegno contro la città: sistematicamente, ad orologeria, si verificano eventi che, anche se creano materialmente pochi danni, uccidono le persone che vogliono cambiare questo territorio. E’ un morbo che entra dentro e avvilisce, distrugge, fa cadere le braccia. Ma noi a tutto questo non ci stiamo. I fatti successi negli ultimi anni che non hanno una connotazione e un colore politico, perché hanno investito consiglieri del centrodestra, del centrosinistra, di liste civiche, giornalisti, ex rappresentanti dell’Arma, uffici comunali, impongono una riflessione profonda. La città deve essere unita a prescindere da tutto e deve reagire in modo unitario. La prima telefonata che ho ricevuto questa mattina è stata del prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, sempre sensibile, e con il quale ho fissato un appuntamento nel pomeriggio di oggi per evidenziare queste nostre preoccupazioni. Non credo che sia opportuno in questo momento di crisi politica ‘balneare’ per Ardea prendere con superficialità in considerazione l’intera vicenda, strumentalizzandola. E’ il momento questo di unirsi e di reagire con forza. Tutti insieme”. “La prima reazione di questa notte è stato di sconforto perché sono preoccupato per la mia compagna e per mia figlia – ha concluso – Ora c’è la voglia di riscatto e di rispondere a nome della città che vogliamo e dobbiamo andare avanti. Bisogna proseguire con la svolta, che può avvenire soltanto col supporto, con l’aiuto, con l’impegno, di tutti i cittadini perbene e dei loro rappresentanti, politici e sociali, a ogni livello. Ecco quindi l’invito che rivolgo: uniamoci contro chi ci vuole far apparire la nostra città quello che non è”.

Luigi Centore vice Presidente di Giustizia e Lealtà

Vice Presidente di Giustizia e Lealtà

Vice Presidente di Giustizia e Lealtà

Il Giornalista Luigi Centore è il vicepresidente del Movimento Internazionale Giustizia e Lealtà.

Di professione Geometra, risiede ad Ardea (Roma) e da sempre si occupa di questioni spinose. Con la sua penna scomoda e pungente ha colpito più di qualche personaggio “eccellente” tanto che è stato vittima di alcuni attentati che si ritiene direttamente connessi alla sua attività giornalistica (per due vole gli è stata incendiata l’auto).

Ha condotto e conduce inchieste molto delicate. Considerato il suo notevole impegno professionale e giornalistico, è stato nominato recentemente vice presidente del Movimento.

Fiaccolata aprilia2

Fiaccolata ad Aprilia contro la criminalità. La presidentessa Ricci al centro. Sulla sinistra accanto al sindaco di Ardea (Rm), Luca di Fiori, il vicepresidente Luigi Centore

Fiaccolata Aprilia

sinistra il vicepresidente Luigi Centore, a destra il sindaco di Ardea Luca di Fiori

LATINA – Diamo voce ai cittadini di Aprilia!

Il Presidente di Giustizia e Lealtà

Il Presidente
di Giustizia e Lealtà

Come Presidente del Movimento internazionale  Giustizia e Lealtà è ora di dire basta a tale indifferenza da parte di chi gestisce un quartiere e da chi amministra.

Sono stati fatti appelli, articoli su quotidiani e manifestazioni e tuttora oggi il Quartiere Toscanini di Aprilia (Latina) non viene preso in considerazione situazioni di disagio come pensiline alberi da potare marciapiedi da rifare e non parlare poi del parco Europa, non comprendo la motivazione di tale menefreghismo da chi sa ma non interviene.

Perché l’amministrazione comunale non lavora su questo quartiere? I cittadini di questo quartiere sono esasperati ma sopratutto invocano aiuto per rimettere in sesto questo quartiere. I politici si ricordano di Toscanini solo sotto campagna elettorale a fare la loro bella sfilata e poi per magia spariscono, solo tante belle promesse ma di concreto zero.

Diamo ai cittadini di Toscanini un quartiere degno senza fare distinzioni di seria A o serie B siamo tutti cittadini di Aprilia e tali vogliamo essere rispettati.  Il movimento Giustizia e Lealtà insieme ai suoi affiliati annuncia che a breve ci sarà una manifestazione pacifica in piazza Roma per sensibilizzare gli animi di chi amministra una città Toscanini non e una fonte di voti ma una fonte di essere  umani.

Pubblicato in Home

UNITI SENZA PAURA – In piazza il 16 gennaio ad Aprilia (LT)

occhiUNITI SENZA PAURA

Il presidente del movimento internazionale  giustizia e lealtà  Pina Ricci, comunica che l’associazione sarà presente ad Aprilia (LT) con i suoi affiliati e con un proprio striscione, alla fiaccolata per la legalità, “UNITI SENZA PAURA” indetta dall’amministrazione comunale di Aprilia.

La, cui prenderà parte il movimento   internazionale  giustizia e lealtà, manifestazione si terrà il giorno 16 gennaio, alle ore 18:00, subito dopo il consiglio comunale  ordine del giorno legalità, “UNITI SENZA PAURA”  la fiaccolata indetta a seguito dell’attentato di stampo mafioso che ha subito un consigliere della giunta  del sindaco Terra e i continui attacchi criminali che si verificano in città  e nei paesi limitrofi al fine di sensibilizzare maggiormente una presenza dello Stato.

Alla fiaccolata interverrà il più autorevole rappresentate dello Stato  S.E. il Prefetto di Latina sensibile a certe problematiche,  non è esclusa la presenza di Senatori e deputati della commissione antimafia  Parlamentare. Presenti tanti attivisti del movimento   internazionale  giustizia e lealtà.

Non è esclusa la presenza del Senatore Claudio Moscardelli membro della commissione, Senatore che prese parte al corteo per la legalità indetto qualche mese fa nella vicina Ardea che soffre tra l’altro degli stessi problemi, come pure non è esclusa la presenza di associazioni del territorio rutulo anche in virtù dell’ultimo atto criminale mafioso subito dal consigliere Marcucci al quale per la terza volta gli è stato fuoco all’auto.

Il corteo partirà da Piazza Roma e si snoderà per le vie principali di Aprilia subito dopo le 19.00 ora in terminerà il consiglio comunale. Oltre alla presenza di vittime di attentati incendiari del comune di Ardea. (UFFICIO STAMPA – Movimento Giustizia e Lealtà)

Contattaci!

Movimento Internazionale Giustizia e Lealtà. Contro tutte le discriminazioni. Per abbattere tutte le barriere nella consapevolezza che si è in un’epoca dove convivono usi e consumi.

il logo del movimento

il logo del movimento

Noi siamo qui per te!

Non esitare a scriverci… ovunque tu sia avrai sempre bisogno di qualcuno che ti supporti nella tua battaglia per la Giustizia e la Lealtà.

Invia una e-mail!